Bonus idrico attività produttive Lotta alle processionarie Accesso anagrafe online Avviso ai cittadini modifiche al traffico veicolare Allerta meteo di colore giallo Segretario Generale Viabilità modificata via Provinciale Arnaccio-Calci Sostegno alla famiglia Canoni di locazione o affitto area pisana Geofor Modifiche alla circolazione veicolare Covid-19 Convocazione Consiglio Comunale Disabilità Passaggio proprietà auto Addizionale IRPEF Amministrazione Trasparente Ilaria Alpi - Importo attribuito 10 Associazione di promozione sociale Arci Valdera - Importo attribuito 3 Posizioni organizzative Rischi e strutture di Protezione Civile 2020 Sistema Cultura Scuola e cultura Consiglio Comunale Servizio raccolta rifiuti scadenza 04 Aprile 2019 Contributo per l'affitto 2019- Scadenze Relazione di inizio mandato Notizia 4 Ordinanza Presidente GRT n 59 Raccolta porta a porta 1 Uffici 00 - Contributo per Centri Estivi 2020 Ammontare complessivo dei premi isolamento e della quarantena Insediamento assessore Lupetti Attenzione interruzione erogazione idrica Protocollo di amministrazione Campi estivi ecco l'offerta de Il Linchetto CIAF per a 2021 2022 rinnovabile di 2 anni Scadenza ore 13 00 del 25 Favole al telefono Consulenti e collaboratori Ordinanza Regione Toscana Elezioni 2020 idee per adulti e bambini Biblioteca distanti ma uniti Ufficio Statistica Servizi Erogati Assetto e Gestione del Territorio Seminari online Famiglia e Adolescenza Conferimento rifiuti covid Calci Informa notizie dalla Regione Opere Pubbliche Ordinanza Regione Toscana

Ogni anno il 21 marzo Libera Contro le Mafie celebra la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”. L'iniziativa nasce dal dolore di una madre che ha perso il figlio nella strage di Capaci e non sente pronunciare mai il suo nome. Un dolore che diventa insopportabile se alla vittima viene negato anche il diritto di essere ricordata con il proprio nome. Dal 1996, ogni anno e in una città diversa, un lungo elenco di nomi scandisce la memoria che si fa impegno quotidiano. Recitare i nomi e i cognomi come un interminabile rosario civile, per farli vivere ancora una volta, per non farli morire mai. Il 21 marzo in tanti luoghi del nostro Paese ci si unisce per un abbraccio sincero ai familiari delle vittime innocenti delle mafie, non dimenticando le vittime delle stragi, del terrorismo e del dovere.

L’Amministrazione Comunale di Calci, da sempre sensibile e attenta ai temi della legalità e all’importanza di commemorare gli eventi del passato affinché siano “seme di impegno” per le generazioni di domani, in questi anni ha sempre celebrato questa giornata con la deposizione di un corona d’alloro in via Peppino Impastato a La Gabella, l’unico luogo del territorio di Calci intitolato ad una vittima della mafia.

Quest’ anno, come previsto dal dpcm #iorestoacasa e per contenere la diffusione del coronavirus, non sarà possibile deporre la corona d’alloro ma l’invito ad un momento di riflessione e di silenzio, da effettuare ognuno presso la propria abitazione, è rivolto a tutti.