ATTENZIONE SPORTELLO GRATUITO RICHIESTA SPID Prenderne visione nella sezione notizie


Ogni anno il 21 marzo Libera Contro le Mafie celebra la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”. L'iniziativa nasce dal dolore di una madre che ha perso il figlio nella strage di Capaci e non sente pronunciare mai il suo nome. Un dolore che diventa insopportabile se alla vittima viene negato anche il diritto di essere ricordata con il proprio nome. Dal 1996, ogni anno e in una città diversa, un lungo elenco di nomi scandisce la memoria che si fa impegno quotidiano. Recitare i nomi e i cognomi come un interminabile rosario civile, per farli vivere ancora una volta, per non farli morire mai. Il 21 marzo in tanti luoghi del nostro Paese ci si unisce per un abbraccio sincero ai familiari delle vittime innocenti delle mafie, non dimenticando le vittime delle stragi, del terrorismo e del dovere.

L’Amministrazione Comunale di Calci, da sempre sensibile e attenta ai temi della legalità e all’importanza di commemorare gli eventi del passato affinché siano “seme di impegno” per le generazioni di domani, in questi anni ha sempre celebrato questa giornata con la deposizione di un corona d’alloro in via Peppino Impastato a La Gabella, l’unico luogo del territorio di Calci intitolato ad una vittima della mafia.

Quest’ anno, come previsto dal dpcm #iorestoacasa e per contenere la diffusione del coronavirus, non sarà possibile deporre la corona d’alloro ma l’invito ad un momento di riflessione e di silenzio, da effettuare ognuno presso la propria abitazione, è rivolto a tutti.