La legge regionale n. 39/2005, così come emendata dalla legge regionale n. 24/2022, prevede l'obbligo di accatastamento degli apparecchi alimentati a biocombustibile solido, a prescindere della loro potenzialità, ai sensi di quanto disposto dall'art. 2, comma 1, lettera 1-tricies), del D.Lgs. 192/2005. Con tale disposizione è stato quindi esteso l'obbligo di accatastamento anche per i camini, stufe o caldaie alimentate a biomassa.

E' la stessa legge a prevedere che con Deliberazione della Giunta regionale siano definite le modalità attraverso le quali provvedere all'accatastamento, alla gestione e alla manutenzione di tali impianti termici.

Conseguentemente, con Delibera della Giunta regionale toscana n. 222/2023 (in allegato) sono state definite le modalità di tale accatastamento, prevedendo procedure molto semplificate rispetto agli altri impianti termici, con un obbligo di accatastamento entro il 31 Luglio 2024 (come da Delibera della Giunta regionale toscana n. 1246/2023, in allegato)

La misura, che interessa tutto il territorio regionale, analoga a quella assunta da altre regioni italiane investite dallo stesso problema dell'inquinamento atmosferico, si è resa necessaria in particolare allo scopo di disporre di un quadro conoscitivo utile ad assumere iniziative volte a contenere le emissioni di PM10, rispetto alle quali tali impianti costituiscono una delle principali sorgenti, e che investono anche il diritto fondamentale alla tutela della salute pubblica.

E' quindi misura diversa e distinta rispetto alle limitazioni all'uso di tali impianti e che sono specificatamente rivolte (e limitate) alla aree critiche della piana di Lucca e della provincia di Pistoia (Valdinievole) su cui insiste una procedura di infrazione comunitaria. Il provvedimento sull'obbligo di accatastamento riguarda invece i cittadini di tutti i comuni della Toscana e, come detto, ha-prioritariamente una funzione conoscitiva.

Sono esclusi dall'obbligo di accatastamento i camini dismessi, quelli usati saltuariamente e quelli che rappresentano l'unica fonte di riscaldamento dell'abitazione. In questo caso il cittadino non dovrà fare la procedura di accatastamento ma solo una auto-dichiarazione. Nello specifico, la Delibera n.222 del 06-03-2023 prevede soli due casi di esclusione dalle procedure di accatastamento:

- generatori a biomassa che risultino chiusi, dismessi o non in funzione, da considerarsi quindi al pari di elementi/complementi di arredo.
- generatori a biomassa di potenza nominale inferiore a 10 kW utilizzati in maniera occasionale e saltuaria, individuabili nei soli casi in cui nell'abitazione non sia presente nella stessa unità immobiliare un ulteriore generatore per il quale sussista obbligo di accatastamento. In altre parole, è possibile per adesso non accatastare il tuo camino se in quella casa non ci sono altri impianti termici (caldaie, stufe etc etc).

Tuttavia, chi si trova in una delle 2 situazioni sopra richiamate, può trasmettere una "auto-dichiarazione" compilando il modello disponibile al link https://siert.regione.toscana.it/documenti/dichiarazione_sostitutiva-09-10-2023.pdf ed inviare una mail a questo indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., ricordando di allegare anche un documento di identità (fronte/retro).

E' utile ricordare che qualora non si fosse ancora provveduto ad accatastare il proprio caminetto, stufa o caldaia a biomasse secondo quanto previsto dalla delibera 222/2023, dal 1 Ottobre 2023 è comunque sempre possibile farlo gratuitamente tramite la pagina web del SIERT accedendo tramite Spid, CIE o Cns (https: //siert. regione.toscana it/cit_accatastamento.php?mn=28tstmn=18).

Il procedimento è informatizzato, rapido e intuitivo, non prevede alcuna spesa e non necessita di interventi di tecnici specializzati. Può essere fatto in qualsiasi momento e solleva il cittadino da ogni responsabilità nel caso in cui l'impianto dovesse essere oggetto di controlli.

Per i cittadini che avessero problemi o difficoltà nella procedura informatica la stessa delibera prevede la possibilità di avvalersi del supporto del soggetto competente alla realizzazione dei controlli, individuato nella società regionale ARRR spa. La stessa, in via assolutamente collaborativa con i cittadini, per chiarire eventuali dubbi o pe choi incontra difficoltà nelle procedure informatiche, ha attivato il numero telefonico 800 151 822, a cui è possibile chieder informazioni o fissare un appuntamento presso un ufficio territoriale di ARRR (www.arrr.it).

L'obbligo di accatastamento ha, come detto, il primo obiettivo di conoscere il numero degli impianti a biomasse presenti nel nostro territorio per potere assicurare una risposta coerente della Regione Toscana al problema dell'inquinamento atmosferico. Non ha quindi alcun intento restrittivo nei confronti dei cittadini. Per questo motivo la disciplina sanzionatoria prevede, in caso che il controllo operato da un ispettore di ARRR SpA riscontri il mancato accatastamento dell'impianto, non la diretta irrogazione della sanzione ma l'indicazione al cittadino di provvedere entro trenta giorni alla messa in regola.

Per maggiori informazioni e risposte alle domande più frequenti: SIERT, Regione Toscana - Accatastamento semplificato degli impianti a biomassa (stufe, camini, caldaie)

Per assistenza nella procedura di accatastamento è attivo il numero verde di ARRR: 800.151822

L'ufficio ARRR di Pisa si trova in Lungarno Pacinotti 49, Pisa - Orario di apertura al pubblico: dal Lun. al Ven. dalle 9.00 alle 12.00, Mar. e Giov. anche dalle 14.00 alle 16.00 - Recapiti: Telefono 050 970087, Fax 050 3136259, Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.