La lista è dinamica e in continuo aggiornamento e la puoi trovare anche sulla pagina Facebook

Per chiedere di farne parte o aggiungere integrazioni è possibile inviare un messaggio alla pagina Facebook del Centro Commerciale Naturale di Calci o scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I menù dei ristoranti sono visibili anche sulla pagina Facebook del Centro Commerciale Naturale di Calci

1) Margo' in trattoria  (tel 347 7981535 – 349 0969524)
2) Pozzo Di San Vito (consegna anche a domicilio) - tel. 050 936209
3) Agriturismo Terra & Aroma La Certosa - tel. 342 335 7718
4) Casa del Popolo - Arci "La Pieve" (colazioni, confezionati da bar e pranzi pronti solo per i soci) Tel. 346 9585132
5) Voglia di Pizza (consegna anche a domicilio) - tel. 050 939267

Infine, riportiamo di seguito i chiarimenti sulla ristorazione con asporto forniti con una nota dal Prefetto di Pisa, Giuseppe Castaldo.

Asporto – Cosa c’è da sapere?

Può esser svolto, oltre che nell’orario di apertura al pubblico (05.00/18.00) anche nella fascia oraria 18-22.
Divieto di consumazione di cibo e bevande sul posto o nelle adiacenze degli esercizi pubblici presso i quali è stato effettuato l’acquisto. A tal proposito si precisa che l’espressione “nelle adiacenze” non comporta l’osservanza di una precisa distanza metrica, tenuto anche conto delle evidenti difficoltà di accertamento che una simile previsione comporterebbe. Si evidenzia inoltre che l’allontanamento dal locale per consumare cibi e bevande in luogo pubblico possa concretare un comportamento vietato in base alla normativa vigente e relativo al divieto di assembramento.

Ne consegue che:

  • la vendita per asporto concreta una fattispecie che determina sempre l’allontanamento del cliente dal locale presso il quale è stato effettuato l’acquisto essendo vietata la consumazione di cibi e bevande sul posto
  • l’esercente, oltre a far rispettare il distanziamento interpersonale, dovrà aver cura di avvisare il cliente di tale obbligo
  • il cliente avrà a suo carico anche l’obbligo di rispettare il divieto di assembramento, indipendentemente dalla distanza rispetto all’esercizio pubblico, atteso che la disposizione in esame risponde alla finalità di contenimento dei fenomeni aggregativi.